Vai al contenuto

In una sera di pioggia

Qui è da tanto che non piove, però questo breve racconto di gennaio dell’anno scorso (era il 5, la vigilia dell’Epifania, per la precisione) fa ancora il suo dovere, lasciandomi fluire addosso sensazioni di disagio che altrimenti sedimenterebbero dentro, dove poi finirebbero per rendere l’anima più pesante.


Immagine da pexels.com

Che bello essere qui, circondato da vetro da un lato e… boh, dall’altro chi lo sa che mischiume archetipizzato sarà?
Per fortuna, appena oltre, c’è la pioggia che scende battente e il tintinnare trapanante giunge pur da sopra, dove rivettate lamiere impediscono che mi percoli il fresco liquido sulla testa e, com’è solito accadere in cotante occasioni, giù per la nuca, il coppino, a refrigerare bollenti spiriti che d’ebollizione han solo sparuta memoria e nella pentola che mette pressione alla vita ne sono usciti sfilacciati e stopposi.
La pioggia, dunque, elemento naturale che raccatta tutto lo sporco che incontra nel suo scivolare lungo il cielo, piano inclinato verso il baratro del mondo, piatto e circondato da possenti mura ghiacciate, affinché non ci affossiamo ancor più in profondità nell’abisso null’entropico.

Luci che sfrecciano, scie bianche su asfalti scuri, rugosi e piagati dal peso dell’esistenza breve che li ha voluti dove sono: sono quelle che mi ricordano che c’è morte oltre la vita, così come c’è luce oltre al buio di interiora nutriesche e nutrienti, esposte al ludibrio di gazze fameliche e cornacchie arroganti.

Passanti sperduti su strade dritte e senza svincoli chiedono lumi, ma le stelle e la luna sono coperte da coltri oscure e invisibili nel buio della sera e non posso certo indicare la via per la grotta e la greppia, destinazione di codesti magi moderni, che senza gps non distinguono una cometa da un’artefatta luminaria. Eppur li irrido, ingiungendo di proseguir dritto fino alla prossima curva e poi spetterà a loro sceglier come continuare, se adeguarsi alla strada, o restare coerenti al mio dire.

La notte s’appressa, le palpebre s’appesantiscono, la vita non germina in questo pantano bituminoso e tetro, che si mette in mostra solo se additato dai feroci led che minacciano col loro puro candore l’eresia del resto del mondo.

Applausi scrosciano… No, m’inganno! È sempre la pioggia a simular persone viventi tutt’intorno, col suo scalpiccio indefesso. Io sorrido amaro al monte, negro per la notte avviluppante e tenebrosa, pronta a esser solcata da saggine cavalcate da bellissime megere recanti doni, sogni, incubi e tutto quel che si può desiderare in una sera di pioggia.

66 commenti su “In una sera di pioggia”

                              1. Da un lato è bello perché non sempre la pioggia è gradita, dall’altro non è un bene perché l’acqua è necessaria. Insomma, come in tutto ci sono lati positivi e negativi

                                  1. Bellissimo❣❣❣ Nel suo 8nsieme ‘ho trovato con una certa sfumatura poetica e nel leggerti, mi sono immersa nelle tue descrizioni. Bravissimo 🥀

                                          1. Un diluvio d’applausi per questo bellissimo racconto, 👏👏👏👏👏👏👏👏👏👏👏👏👏👏👏👏👏👏👏👏👏👏👏. Anche dove abito io la pioggia… questa sconosciuta. Poi inizia la primavera e iniziano anche le piogge, noooooooooo, 😱😱😱😱. Ma perché deve piovere sempre quando inizia la bella stagione, 🤦‍♀️.

                                                          1. Che pezzo!!!!! Nuovo stile di scrittura? leggendolo m’è suonato come una musica, m’è parso di assistere a tutta la scena accompagnata dal sottofondo della pioggia!!!! voto 10 e lode.. anzi, 11!!!!

                                                            (ah giusto, i numeri si scrivono a parole… dieci e undici!!! :D)

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: