Vai al contenuto

Home

Benvenuto in questo spazio virtuale!
Si trattta di un progettato per nuovi contenuti, nuove idee (o idee vecchie ma proposte in maniera differente) e con modi nuovi di esprimerle.

Sì, perché questo spazio è dedicato non solo al blogging “vecchio stampo” (che sarà limitato, quasi solo un contorno), ma soprattutto al podcasting; inoltre vuole essere più sito, con pagine inerenti a vari argomenti del mondo della scrittura (pensate, ma ancora da realizzare) e di quanto ho scritto o scriverò.

Non ci saranno (almeno per ora) racconti a puntate o altri scritti originali, se non qualche anticipazione di qualche futura pubblicazione, ovvero retrospettive di qualcosa di già edito… ma questo è solo per il momento, visto che “del doman non v’è certezza“.

Insomma, credo (o almeno me lo auguro vivamente) non ci sarà da annoiarsi: seguimi qui e su tutti gli altri canali che troverai linkati in giro!

Un saluto e un abbracio
Alessandro Gianesini

83 commenti su “Home”

          1. Io sono un po’ vecchietta porto a spasso una calzetta sferruzzata con la lana ho perso la scoperta sto chiedendo ad Aladino di prestarmi un tappetino per giunta son sdentata e mi chiamano befana . Bentrovato Alessandro, ti confesso tristemente che navigo malamente il perché melodicamente e che non ci capisco niente …Ciao

            1. Beh, pensa positivo: immagina se fosse stata la calzetta a sferruzzare te in giro.
              Se poi trovi il tappeto di Aladino (ma ancora meglio la lampada) fammi un fischio, che i desideri non mi mancano.

              E comunque meglio navigare a vista, certe volte: si fa alla svelta a perdere l’orientamento, specie di questi tempi.

              Ciao e bentrovata a te! 🙂

            1. Ciao Ale, 😀! Sbaglio o questo è un blog nuovo nuovo? Ho ripreso a scrivere solo da fine ottobre e una delle prime cose che ho fatto è stata quella di cercare i blog che seguo con più affetto (tra cui il tuo, ☺️) e quando sul reader non mi compariva il tuo blog mi è quasi venuto un colpo. Siccome WordPress tende a funzionare alla “cacchio di cane” ho pensato che nel tempo in cui non sono stata presente WordPress avesse combinato qualche casino e mi avesse cancellato alcuni blog che seguo. Fiuuu, per fortuna che non è così perché mi sarebbe dispiaciuto un sacco non poter più seguire il tuo blog. Ora ti seguirò su questo nuovo blog che, ad una prima occhiata, è davvero WOW, 🤩! Complimenti per il nuovo blog e in bocca al lupo per un blog di grandissimo successo, 😀. Baci, 😘.

              1. Ciao Ele!
                Mi fa piacere vedere che sei ancora in giro e che hai ripreso a scrivere.
                Sì, il vecchio blog è “moruto” a fine settembre e questo è un progetto del tutto nuovo, anche se in un certo senso qualche elemento ricorrente c’è (io, nello specifico).
                Dai, tra pochi giorni riparto uffialmente, ora sto ancora sistemando la “scacchiera” con tutti i pezzi, poi vedremo cosa succede! 😉

                Un bacione anche a te!

                1. Sono curiosissima di leggere i post di questo tuo nuovo blog, 😃. E nel frattempo… buon lavoro con la sistemazione di tutti i pezzi, 😘.

                  1. Ti dirò, da leggere non ci sarà poi così tanto, ma questo non significa che non avrò da dire qualcosa, anzi…

                    Beh, si dovrebbe intuire qual è il progetto che ci sta dietro! 😉

                                        1. Perfetto, direi che è il risultato più importante. Anche per me è stato divertente creare il blog. Ho sempre pensato anche a un’evoluzione video/audio, chissà… intanto tu fai da cavia 🙂

                                          1. Il video dà qualcosa di diverso, senz’altro, ma a me non attira troppo e non mi è mai interessato più di tanto (a diffrenza della fotografia).
                                            Quindi dai: spartiamoci gli spazi! 😛

                                            Comunque la parte audio (in questo caso il podcast) è davvero una cosa che ti permette di lavorare con parecchia libertà e non ti vincola a certi standard, magari necessari per un video. E anche il suo ascolto, tra l’altro, è molto più flessibile (nell’andare o tornare dal lavoro, in auto o sui mezzi…) e non necessità della totale attenzione com’è invece per un video

                                            1. D’accordissimo, tant’è che (complice ahimè anche la clausura degli ultimi tempi) ho iniziato a fare largo uso di podcast facendo sport, cucinando ecc. Sono ormai una presenza fissa nelle mie giornate. Aggiungerò volentieri i tuoi. Tra l’altro ho ascoltato il primo e devo dire che la tua voce è molto piacevole!

                                              1. Ti ringrazio, Phil!
                                                Ci sto prendendo la mano e, magari col tempo, aumenterò il ritmo d’uscita.
                                                In realtà ho già in mente il secondo, ma questo è un altro discorso…

                                                Intanto grazie! 😉

                                                    Rispondi a Giada Ylenia Pinna Annulla risposta